Crippa Luca (1922 - 2002)

Luca Crippa nasce a Seregno il 6 aprile 1922. Frequenta l’Istituto Superiore d'Arte presso la Villa Reale di Monza diplomandosi, sotto l’insegnamento di grandi maestri, nel 1943.b Durante gli anni della scuola sviluppa una squisita sensibilità sospesa tra dadaismo e surrealismo, sorretta da un momento tecnico di grande spessore.
Nel '44 esordisce con una mostra personale presso la Galleria Borromini di Como, e nel 1946, trasferitosi a Milano, lavora per tre anni seguendo gli studi decorativi dei progetti dello studio di Giò Ponti.
Nel 1948 partecipa alla "Triennale di Milano“.
Realizza le decorazioni su legno, vetro e tela per le sale dei più famosi transatlantici italiani; svolge una felicissima attività di scenografo e bozzettista di costumi per spettacoli televisivi e per oltre trecento spettacoli nei maggiori teatri italiani e stranieri.
Due importanti riconoscimenti gli vengono tributati, il primo nel 1964, quando alla "XXXII Biennale Internazionale" di Venezia gli viene assegnato dall'americana David E. Bright Foundation il prestigioso premio Internazionale per il bianco e nero, e due anni più tardi, nel 1966, quando Arturo Schwartz lo invita ad esporre le proprie opere, cinque lavori datati dal '42, in occasione della mostra dei cinquant'anni "Dada in Italia 1916-1966" al Padiglione d'arte contemporanea.
Dal 1970, dopo la mostra alla Galleria Milano "Disegni, collage e oggetti surrealisti. 1938-1948", la sua ricerca e produzione artistica si intrecciano con l'attività di docente in Decorazione pittorica all'Accademia di Brera di Milano, dove insegna dal 1971 al 1993.
Nel 1972 viene nominato commissario per la grafica internazionale alla Biennale di Venezia.
Sue opere sono esposte in importanti musei e collezioni private di tutto il mondo.
Scomparso il 29 giugno 2002, dispone nel proprio testamento che venga donato alla città natale un prezioso patrimonio di 2866 opere (2238 dipinti e grafiche di autori contemporanei e 628 opere della propria produzione) e che venga costruito un museo della città, luogo di esposizione, valorizzazione e formazione artistica per le nuove generazioni.






Tecnica acquaforte
Misure foglio 12,5x17,5 cm
Numerazione prova d’artista
Posizione firma in basso a destra


Tecnica litografia acquerellata
Misure foglio 35x50 cm
Misure immagine 24x33 cm
Numerazione 1/30
Posizione firma in basso a destra
Note: opera pubblicata
Titolo IL CANTO DELL’UVA
Tecnica acquaforte
Misure foglio 35x70 cm
Misure immagine 23x33 cm
Numerazione prova d’artista
Posizione firma in basso a destra
NOVEMBRE
Tecnica litografia
Misure foglio 35x70 cm
Misure immagine 23x29 cm
Numerazione H.C.
Posizione firma in basso a destra

L’ARIETE
Tecnica acquaforte
Misure foglio 40x53 cm
Misure immagine 21,5x32 cm
Numerazione VI/XX
Posizione firma in basso a destra
DEDICA
Anno 1998 Natale
Tecnica disegno
Misure 23x30 xm
Note: disegno-dedica in prima pagina della pubblicazione Luca Crippa rianza opere giovanili 1939-1949, di Giovanni Anzani per l’Assessorato alla Cultura del Comune di Soregno
Tecnica acquaforte
Misure foglio  35x50 cm
Misure immagine 16x21,5 cm
Numerazione Pda 
Posizione firma in basso a destra 
Tecnica acquaforte
Misure foglio  35x50 cm
Misure immagine 18x24,5 cm
Numerazione Pda 
Posizione firma in basso a destra 
LA VALLE FELICE
Anno 1977
Tecnica acquaforte
Misure foglio  30x34,5 cm
Misure immagine 12x15,5 cm
Numerazione 25/75 
Posizione firma in basso a destra 
Tecnica acquaforte
Misure foglio  23x29 cm
Misure immagine 12x15,8 cm
Numerazione 105/125 
Posizione firma in basso a destra 

Tecnica acquaforte
Misure foglio 25x35 cm
Misure immagine 8,2x8,2 cm
Numerazione pa
Posizione firma in basso a destra

L’ARTE DEI MASCARERI
Tecnica acquaforte
Misure foglio  16,3x23,3 cm
Misure immagine 10,5x14,5 cm
Numerazione 29/50 
Posizione firma in basso a destra