Colliva Lea (1901 - 1975)


Nata a Bologna il 14 settembre 1901 e ottenuto il diploma magistrale negli anni '20, Lea Colliva perfezionò la sua arte sull‘Appennino bolognese dove ritraeva il paesaggio naturale approfondendo gli studi sulla figura umana. Nel 1931 espose alla I Quadriennale di Roma e fu invitata alla Mostra d'arte del Littoriale a Bologna; nel 1939 tenne personali al Riverside Museum di New York - mostra poi presentata a San Francisco e a Philadelphia - e alla Suffolk Street Galleries di Londra. Nel 1936, nel 1948 e nel 1950 è presente alla Biennale di Venezia.
Insegnante all'accademia di Belle Arti di Bologna, la Colliva fu artista colta e straordinariamente feconda. La sua pittura si formò su un puntuale studio dell'antico, dagli italiani del Rinascimento agli intagli di Rembrandt, per poi evolversi gradatamente verso una più sofferta e contemporanea inquietudine di forme e di colori.
Le sue opere testimoniano puntualmente il passaggio dalla solidità novecentesca - affine ai dettami del coevo "ritorno all'ordine" - agli sfaldamenti dell'ultima maniera che, secondo Francesco Arcangeli, ponevano il suo lavoro accanto agli esiti dell' Informale europeo.
Nel 1962 uscì la monografia sui disegni, curata da Giuseppe Raimondi. L'ultima importante rassegna fu promossa dall'accademia Clementina e ospitata nelle sale di Palazzo d'Accursio, a Bologna, a cura di Francesco Arcangeli.
Lea Colliva morì il 12 luglio 1975



SUL CAVALLO
Anno 17 dicembre 1924
Tecnica acquerello
Misure 23x23 cm
Posizione firma in basso a sinistra
Note: opera pubblicata