Bocchini Mario (1927-1999)

Mario Bocchini è nato a Cesena nel 1927.
Apprende i primi elementi dell'arte nel 1955, all'accademia di Belle Arti di Ravenna, che frequenta per un breve periodo di tempo, poiché scopre che lo studio valido è dal vivo, e passa all'aria aperta, disegnando vari aspetti dal vero: contadini, pollivendole nei mercati.
Nel 1956 s'inserisce nel gruppo del neorealismo della scuola cesenate con Cappelli e Sughi. Prende contatti anche con l’ambiente bolognese rappresentato in particolare da Aldo Borgonzoni.
Dal 1957 inizia le personali. Nel 1959 fa il pendolare fra Cesena e Milano, per poi trasferirsi nel 1960 avendo come maestro Mario Sironi.
Dalle opere della prima maturità, che mostrano un viraggio stilistico in senso espressionistico, Bocchini pone come tema saliente della sua pittura il rapporto dell’uomo con la realtà. Gli oggetti che egli trasferisce sulla tela in forma di relitti e di rottami (ritorna frequentemente il tema delle barche squarciate) assumono un esplicito ruolo iconico, ponendosi come visioni riflesse della tragicità del vivere dell’uomo contemporaneo.
Nel 1962 è nominato accademico di merito dell'Accademia dei 500 per Scienze Lettere e Arti di Roma. E' invitato e premiato al "Campigna".
Vince numerosi premi nazionali e internazionali e allestisce mostre, invitato, in Ameria, Russia ecc.
Il Comune di Cesena gli organizza nel 1975 un'antologica a Palazzo Locatelli, riunendo molte opere del periodo 1958-74; la mostra viene presentata da Romeo Forni.
E' invitato nel 1976 a Pallanza dall'Azienda di soggiorno e presenta una personale a Villa Olmo sul Lago Maggiore, presentato da EmilioContini. Nello stesso anno dal Presidente della Regione Emilia Romagna gli viene conferita la targa d'argento della Regione. Nel 1998, l'anno prima di morire, espone alla "Medusa", centro culturale di Este, presentato da Salvagnini Silento.
Nel 2003, in occasione dell'acquisizione da parte del Comune di Cesena della donazione "Mario Bocchini", consistente in 30 dipinti dell'artista, scomparso il 30 aprile 1999.
La donazione comprende opere realizzate fra il 1959 e il 1998. Il Comune di Cesena ha intitolato a lui la sala dei gruppi consiliari adiacente alla sala della giunta.



BARCA
Tecnica olio su tela
Misure 50x40 cm
Posizione firma in basso a destra e sul retro con timbro