Bertacchimi Luciano (1913 - 2010)

Pittore e critico d'arte. Ha esposto in diverse gallerie; ha scritto su riviste e giornali, L’Avvenire d’Italia in particolare.
“Nella coerente scelta linguistica abbracciata, predilige le atmosfere delicate e rarefatte, realizzate con sottilissimi segni di matita (o di bulino) nonché con tocchi di pennello, scevri di leziosità; trasparenti e sommessi, tipo situazioni ovattate, avvolte in un pacato velo di nebbiolina bolognese.
La spiccata malinconia per le intonazioni tenui, in questo suo intento compulsivo e lirico, denotano come l’indole, apparentemente malinconica, contribuisca a creare manifestazioni di particolare spiritualità, strappamdola a silenzi meditativi. … Pur nel soffuso vedutismo, il fare artistico esce spontaneo e generoso per la chiarezza dei toni nei quali mai si respira aria consumata. Lo stesso segno nitido e sicuro, che troviamo nelle sue calligrafie spontanee, trasmettono lo stato d’animo delle realtà proposte: una componente lirica corrispondente alla serenità che esprime in arte, come nelle sue note critiche” (Romeo Forni).


PIANURA BOLOGNESE
Anno 1977
Tecnica olio su compensato
Misure 53x42 cm
Posizione firma in basso quasi al centro
Note: opera pubblicata
PAESAGGIO INVERNALE
Tecnica Acqaforte
Misure foglio 50x35 cm
Misure immagine 34x18 cm
Numerazione 3/65
Posizione firma in basso a destra
Note: opera pubblicata